Il latte fa male? Come cucinare senza latte?

C’è un forte dibattito sul latte, c’è chi lo reputa un alimento che fa male e chi invece continua a mangiarlo quotidianamente. Dov’è la verità?

28.09.2016

Vi ho parlato del lattosio e dell’intolleranza a questo allergene. Si tratta dello zucchero del latte e molte persone faticano a digerirlo. Negli ultimi anni però sono in molti coloro che hanno scelto di eliminare il latte e i latticini dalla propria alimentazione anche in assenza di intolleranza. Forse perché il latte fa male? Vediamo di capirci qualcosa in più.

Non essendo una nutrizionista o esperta in materia, vi parlo per esperienza personale, l’esperienza di una sportiva. Sono un’amante della colazione, per me è uno dei momenti migliori e il bicchierone di latte con i cereali era il mio migliore inizio di giornata.

Qualche anno fa ho iniziato ad avere qualche problema, mi mancavano le forze al mio risveglio, il mio intestino funzionava quando voleva e mi comparivano sfoghi sul viso. Ho cercato subito di capire se si trattasse di un’intolleranza e con un vega test, test della naturopatia che basandosi sulla fisica quantistica identifica reazioni avverse ai cibi, ma non vi era nulla di rilevante.

Parlando con un amico sportivo mi aveva raccontato di aver avuto gli stessi problemi “Mi rendevano stanco” e di aver ridotto il consumo di latticini. Così provo anch’io e il mio latte del mattino diventa latte di riso, i formaggi ridotti drasticamente e con questi anche tutti gli altri latticini che con il tempo ho limitato sempre di più, soprattutto in vista di una gara o prima di un allenamento. Risultato: mi sento più forte e tanti problemi hanno trovato soluzione.

E’ una coincidenza? Non posso essere io a dirlo, ma per esperienza personale non si tratta affatto di una coincidenza.

E’ vero che il latte fa male? Si tratta di un tema per il quale vi è un forte dibattito e gli esperti sono davvero poco d’accordo tra di loro. Da piccoli beviamo il latte per nutrirci, come fanno anche i cuccioli di molti animali mammiferi. Tuttavia siamo gli unici che continuano ad assumerlo anche da adulti.

Su Focus 176 Amelia Beltramini e Paola Grimaldi hanno parlato del rapporto tra l’uomo e il latte.  “Il fantasma che anima la discussione sul latte è il cancro, in particolare quello alla prostata e al seno, che le “evidenze statistiche” delle ultime ricerche hanno appunto messo in relazione col consumo di latticini”. Infatti, dopo una ricerca, hanno rilevato che la percentuale di rischio cresceva in modo rapidissimo tra quanti avevano un consumo medio giornaliero di calcio di 2.000 mg (2 grammi) o più.

Dopo qualche tempo è stata fatta la stessa ricerca in Finlandia con più soggetti esaminati: «Nel gruppo con un’alimentazione ricca di calcio (più di 2 grammi al giorno) la percentuale di rischio è stata del 63% superiore rispetto a chi ne ha consumato meno di 1 grammo al giorno»”

Su un articolo di Gazzetta.it di qualche tempo fa si leggeva:” Il latte fa bene al cuore: dopo l’esercizio mantiene efficienti i muscoli e ne aumenta la massa, prima è un’ottima fonte di energia, analoga se non superiore a quella delle bevande sportive”

Quindi il latte fa male o bene? La risposta che viene data su Focus è la seguente: “La conclusione di questo dibattito è ancora lontana, ma, nel dubbio, probabilmente moderare i consumi di latticini fin dai primi anni di vita sembra essere la scelta migliore”

Se anche voi volete ridurlo, ecco qualche consiglio per cucinare.

Ci sono ormai tantissime persone che hanno eliminato o ridotto il latte dalla propria dieta e con il passare del tempo sono sempre di più le ricette o le alternative per cucinare cibi comunque deliziosi. Intanto il latte può essere sostituito con quello vegetale di riso, di mandorla o di farro e di queste tipologie esiste anche la panna da cucina. Esiste il burro vegetale. I dolci possono essere realizzati senza burro e senza latte e, se seguite le ricette vegane, addirittura senza uova.

Sono buonissime le ricette di Marco Bianchi, divulgatore scientifico per Fondazione Umberto Veronesi (FUV) e Ambassador di EXPO Milano 2015. Non a caso promuove un’alimentazione priva di latte e latticini, divulgando i fattori protettivi della dieta e le regole della buona alimentazione attraverso consigli gastronomici che aiutano a restare in salute con gusto e a prevenire le patologie più comuni.

E poi esistono in commercio sempre più prodotti senza lattosio. Sicuramente questo allergene non è l’unico che determina se il latte fa bene o male, ma se scegliete di evitarlo, questi alimenti sono ottimi sostituti.

----------

Per consigli e suggerimenti, seguitemi sui miei canali web e social:

Karen Pozzi

Sito webFacebookInstagramTwitter


Cosa miglioreresti in questo articolo?




Il contenuto potrebbe essere...





Cancellare

Ti è piaciuto l´articolo?