Come ridurre il dolore alle articolazioni con un'alimentazione adeguata

Molte persone hanno dolori articolari ma poche sanno che questa patologia può essere controllata con una dieta adeguata.
26.01.2017

Il dolore articolare può avere molte cause differenti. Può derivare da un'infiammazione che limita l'arco di movimento dell'articolazione o da un infortunio magari originato dall'osteoporosi. Molte persone hanno dolori articolari ma poche sanno che questa patologia può essere controllata con una dieta adeguata.

Quali alimenti o nutrienti sono di aiuto?

  • Acidi grassi di tipo Omega-3:

Vari studi hanno evidenziato come gli acidi grassi omega-3 abbiano un effetto antinfiammatorio e che riducono quindi i sintomi delle infiammazioni articolari. Inoltre non dobbiamo dimenticare che il consumo di troppi acidi grassi di tipo  omega-6 e un basso consumo di  omega-3 ha l'effetto di attivare gli enzimi che favoriscono l'infiammazione. Sfortunatamente nell'alimentazione di oggi sono presenti più omega-6 dato che questi sono contenuti in un gran numero di alimenti. Cercate di limitarne l'assunzione a favore degli omega-3 per esempio aumentando il consumo di pesce o di olio di semi di lino.

  • Broccoli:

E' un alimento molto comune nelle diete ma non è utile solo per il suo basso apporto di calorie ma è anche efficace contro i problemi alle articolazioni, assieme ad altre crucifere come il cavolfiore.

  • Vitamina D

Uno studio effettuato su 29.000 donne ha mostrato come l'assunzione regolare di vitamina D abbia degli effetti positivi sulle persone che soffrono di dolori reumatici. L'insorgenza dell'osteoporosi è ritardata e avviene più lentamente nei soggetti che hanno consumato una quantità maggiore di vitamina D. L'olio di pesce è un'ottima forma di vitamina D ma anche l'esposizione al sole per almeno 20 minuti è molto utile.

  • Zenzero

Questa spezia è stata usata per molto tempo nel trattamento del raffreddore, dell'emicrania e della pressione alta. Anche se è un antiossidante abbastanza conosciuto non è molto usato per il suo effetto antinfiammatorio. Provate quindi a farvi un te di zenzero fresco o aggiungetelo alle pietanze. Dovete sapere anche che è un fluidificante naturale del sangue e se siete quindi sotto trattamento farmaceutico per problemi cardiocircolatori è necessario consultare un medico prima di incorrere in un consumo eccessivo di questo alimento.

  • Vitamina C

Cercate di mangiare quanti più peperoni, arance, mango, fragole e ananas potete perché sono molto ricchi di  vitamina C. Il consumo di questi frutti e vegetali può ridurre i problemi reumatici del 30%.

  • Antocianine

Le antocianine sono gli antiossidanti responsabili dl colore rosso di certi alimenti come le ciliegie, i lamponi, mirtilli, fragole, uva e melanzane. Ricerche varie sulla proteina C-reattiva hanno dimostrato che il consumo di questi alimenti riduce l'infiammazione nel corpo. Gli studi erano focalizzati sulle malattie cardiovascolari ma si è visto che questi alimenti colorati apportavano benefici a tutti i tipi di infiammazioni, articolazioni comprese.

  • Beta-Criptoxantina

La Beta-Criptoxantina è un potente antiossidante appartenente al gruppo dei carotenoidi. Come tale è utile nella prevenzione delle infiammazioni articolari. In accordo con gli studi effettuati in Inghilterra le persone che abitualmente consumano più Beta-Criptoxantine sono meno propense alle infiammazioni articolari. In che alimenti sono contenute? Peperoni dolci, zucche, papaia, pesche etc.

Che cosa si può quindi fare a tavola per prevenire i dolori articolari? Mangiate molta frutta e verdura, pesce, oli di semi e di vari tipi di noci e frutta secca. Consumate poca carne rossa, latticini, acidi grassi saturi e zuccheri. In questo modo ridurrete l'infiammazione articolare e favorirete il processo di recupero e guarigione!

BioTechUSA


Cosa miglioreresti in questo articolo?




Il contenuto potrebbe essere...





Cancellare

Ti è piaciuto l´articolo?