Gli sportivi sono anche quel che mangiano!

Ci sono tre elementi che determinano il successo di uno sportivo: l’allenamento, ilrecupero e l’alimentazione.
11.01.2018

Quest’ultima è fondamentale che sia sana per tutti, persportivi e non sportivi, quindi ecco qualche consiglio generico.

Gli ingredienti che compongono il triangolo magico dei risultati nell’ambito dello sport sono allenamento, riposo ealimentazione. Durante la corsa di vi è un continuo passaggio tra stimolo e adattamento, il nostro corpo arriva allimite delle proprie capacità e attendiamo che si ristrutturi adattandosi e diventando più forte e questo avvienedurante il riposo. Diventiamo atleti più efficienti tra una sessione e l’altra, è importante considerare il recupero e ilriposo come parte integrante dell’allenamento e invece troppo spesso questi vengono sottovalutati. Sia ilrecupero che l’alimentazione contribuiscono a determinare il profilo di uno sportivo.

L’alimentazione sana è una prerogativa non solo di sportivi ma di chiunque. Infatti, alla base della nostra salutevi è anche una scelta di cibi corretta che poi va adattata al proprio stile di vita e quindi nel caso di chi fa sportcambiano le dosi e le esigenze di alcuni cibi.

Essendo sportiva da tanti anni e avendo negli anni avuto confronti con diversi atleti, ma anche con diversispecialisti, ho scoperto che probabilmente l’alimentazione è la variabile principale da tenere in considerazioneper la salute e la performance di uno sportivo. “Siamo quello che mangiamo” ed è proprio così!Per questo vorrei riportarvi alcune delle mie abitudini per poi entrare più nel merito di consigli ricevuti daprofessionisti su alcuni cibi. Io faccio sempre colazione, per me è il pasto più importante della giornata, mangio atutti i pasti e durante gli spuntini cercando di evitare i fuori pasto come merendine, patatine o altro, mangiocarne, ma senza esagerare  e scelgo sempre quella di qualità. Spesso l’acquistiamo dai contadini della zona,non mangio farina raffinata e quindi quella bianca, ma prediligo quella di farro, riso e kamut, non bevo latte e nonmangio quasi mai latticini a causa di un’intolleranza. Cerco di seguire una dieta che coinvolga i tremacronutrimenti (carboidrati, proteine e grassi), preferisco le verdure di stagione, caffè e thè li bevo senzazucchero, evito le bevande troppo zuccherate e per cucinare prediligo lo zucchero di canna, un giorno allasettimana e nei giorni di vacanza NON SEGUO nulla di quanto detto sopra.

Vediamo ora più nel dettaglio le regole di un’alimentazione sana.

 

IL SALE, PERCHÈ ELIMINARLO?

Provoca ritenzione idrica e un incremento della pressione arteriosa. Purtroppo il sale è ovunque, nontanto quello che decidiamo o meno di aggiungere per insaporire le pietanze ma soprattutto quellonascosto nei cibi pronti e industriali. La soluzione potrebbe essere quella di sostituirlo con spezie comeil curry, la curcuma e il peperoncino che non solo consente di annullare l’effetto del cloruro di sodioma apporta un sacco di proprietà benefiche ed antiossidanti molto salutari!

 

FARINE BIANCHE

I carboidrati sono un’ ottima fonte di energia e sono indispensabili per una corretta nutrizione. Sitrovano nelle patate, nei legumi, tuttavia la fonte più utilizzata è data dai prodotti farinacei difrumento. Sulle tavole degli italiani ogni giorno ci sono pasta, pane, pizza,biscotti e derivati. Purtroppola raffinazione toglie dal grano i componenti nutrizionali più importanti che trovavamo una voltanella semola da grano duro. Poi pian piano si è passati a produrre doppio zero e sono stati fatti moltiincroci per ottenere rese sempre maggiori a discapito della qualità, quindi farine ricchissime in glutine econseguente irritazione intestinale. Meglio consumare il grano poche volte e sostituirlo con riso,amaranto, quinoa, grano saraceno, legumi.

 

LATTICINI

Il latte è un alimento molto nutritivo non è da togliere dalla dieta ma meglio ridurlo o scegliere quelloproveniente da allevamenti certificati Si può alternare a latti vegetali: soia, riso, mandorla, avena e tantialtri purchè siano biologici e non addizionati in zuccheri.

 

ZUCCHERO

I rischi dello zucchero sono davvero tanti. Vanno aboliti bibite gassate, succhi di frutta, dolciumi ebiscotti industriali, oltre a ció sono calorie e sommate nel tempo portano obesità e patologie croniche.

 

CARNE

È importante scegliere solo da allevamenti qualificati e certificati, ma non bisogna abolirla specie pergli sportivi. Preferire cotture semplici ed eliminare gli insaccati che contengono molto sale, grassi enitriti come conservanti che sono cancerogeni. Scegliere bene il pollo che tra tutti i tipi di carne èsoggetta a più manipolazioni.PESCEIl pesce va bene ma pochi pesci grossi come tonno e pesce spada che rischiano di contenere mercurio e metallipesanti. Il pesce azzurro è un’ottima fonte di omega 3-6.

 

FRUTTA E VERDURA

Frutta e verdura di stagione, almeno 5 porzioni al giorno perché ricchi di vitamine antiossidanti e sali minerali.Queste sono regole generali che possono aiutare lo sportivo e tutte le persone a vivere una vita più sana.

 

Karen Pozzi


Cosa miglioreresti in questo articolo?




Il contenuto potrebbe essere...





Cancellare

Ti è piaciuto l´articolo?